Alla scoperta dell'Aglianico del Vulture

Stampa

La fertilità dei terreni di origine vulcanica che circondano il Monte Vulture è l'habitat ideale per la produzione di uno dei più grandi vini rossi d'Italia, l'Aglianico del Vulture DOCG. Le sue origini sono antichissime: probabilmente venne introdotto nel nostro Paese dai Greci intorno al VII- VI sec. a.C.

Degustazioni e visite guidate nelle caratteristiche cantine scavate nel tufo vengono organizzate di frequente nei comuni dell'area, rivelandosi ottime occasioni per scoprire il carattere inconfondibile del re dei vini lucani, sempre più ricercato e apprezzato in Italia e all'estero. Colore rosso rubino, sapore asciutto, sapido, caldo, armonioso che invecchiando diventa sempre più vellutato e che raggiunge una gradazione media fra i 12 e i 15 gradi.