Flora

Le pendici esterne del Vulture presentano una successione tipica di forme di vegetazione, influenzata principalmente dall'altitudine. Fino a 600-700 metri, le falde sono ricoperte da campi di cereali, da vigne e oliveti. Più in alto il castagno prende il sopravvento, lasciando spazio al querceto e poi alla faggeta solo oltre i 900- 950 metri di quota.

La caldera è una particolare combinazione di elementi geologici, geomorfologici e pedologici, di uso del suolo e in uno spazio relativamente piccolo, pertanto vi è una straordinaria varietà di ambienti, che sfumano gradualmente l’uno nell'altro: i boschi di faggio, l’abetina di vetta, l’area submontana a castagneti, le rupi, i campi di lava e le praterie alla sommità del monte, l’area submontana a querceto misto caducifoglio, gli ambienti umidi lacustri e un’area coltivata.

 

Natura
Il Vulture
Ecosistema
Geomorfologia del Parco
Flora
Fauna
Storia del territorio
I Laghi

itzh-CNenfrdejaptrues

logo IT

 

 

Il presente sito si ispira alle nuove linee guida di design per i servizi web delle PA

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 2.0 Italia

© parcovulture.it - Tutti i diritti riservati